Un futuro dinamico, un passato ricco e movimentato

Un futuro dinamico, un passato ricco e movimentato

Un futuro dinamico, un passato ricco e movimentato

Con la sua attuale varietà di vetture, Mercedes-Benz ci offre un chiaro spaccato del più recente livello di sviluppo e non solo: ci consente anche di voltarci a osservare le eccellenti pietre miliari delll’azienda regina dell’innovazione a tutti gli effetti.


21. dicembre 2021


Mercedes-Benz è stata infatti la prima casa automobilistica a livello mondiale a soddisfare i rigidi requisiti previsti per legge ai fini della guida in modalità altamente automatizzata (di livello 3). Dove le rispettive legislazioni nazionali lo consentono, a tale livello il «DRIVE PILOT *», a richiesta nella Classe S e nell’EQS, è in grado di gestire determinate manovre di guida in modalità autonoma e senza alcun intervento umano, almeno per un determinato periodo di tempo. Con questa soluzione il marchio con la stella fissa un’ulteriore pietra miliare nella sua storia di innovazione lunga oltre 135 anni. Tra suoi capitoli più recenti annoveriamo, ad esempio, l’hyperscreen largo 1,4 metri nell’EQS, gli airbag del vano posteriore presenti nella Classe S, i primi in assoluto a livello mondiale, o l’intuitivo sistema di infotainment MBUX in grado di seguire in circa 30 lingue diverse le istruzioni dei passeggeri all’interno di tutti gli attuali modelli.

 

L’innovazione di Mercedes-Benz in ogni singola vettura.

Fin dallo sviluppo del suo primo veicolo, Daimler ha registrato circa 120 000 brevetti, ritagliandosi a ragione, sia a livello di gruppo che di marchio Mercedes-Benz, il ruolo di regina assoluta a livello mondiale in termini di innovazione nell’ambito dell’industria automobilistica. 125 anni dopo il primo viaggio in auto da Mannheim a Pforzheim compiuto da Bertha Benz, nell’agosto 2013 la vettura sperimentale S 500 Intelligent Drive ha percorso un tragitto lungo circa 100 chilometri in modalità completamente autonoma, e questo in presenza di grande densità di traffico e di complesse situazioni legate alla circolazione. Ogni veicolo di oggi racchiude in sé, anche se a volte in una forma diversa, un pezzetto dell’innovazione portata avanti negli anni da Mercedes-Benz. E se ci voltiamo indietro possiamo osservare incredibili esempi di una lunga serie di prestazioni tecniche assolutamente pionieristiche realizzate da quella che è considerata la regina assoluta a livello di innovazione.

Patent Motorwagen

Carl Benz (davanti) sulla sua Patent Motorwagen.

Test sull’airbag

Primi collaudi dell’airbag effettuati nel 1969.

Bertha Benz 2013

La Classe S «Bertha Benz» 2013 in viaggio da Mannheim a Pforzheim in modalità autonoma.

La sicurezza prima di tutto.

Mercedes-Benz continua a distinguersi sempre per il proprio ruolo di antesignana nell’ambito dello sviluppo di sistemi di sicurezza alla guida. Dagli anni ʽ60 la resistenza agli urti e la ricerca condotta in ambito infortunistico rappresentano infatti importanti elementi in grado di portare avanti e stimolare i progressi in termini di innovazione. Dalle prime carrozzerie di sicurezza al pianale multistrato passando per l’airbag, l’ABS e il pretensionatore fino ad arrivare, infine, ai moderni sistemi di assistenza alla guida: per Mercedes-Benz la sicurezza riveste la massima priorità. L’attuale filosofia applicata alla sicurezza abbina una sicurezza di tipo attivo al volante (Perform-Safe), come il sistema di protezione contro la stanchezza, a sistemi preventivi (PRE-SAFE®) finalizzati a scongiurare possibili incidenti. Lo scopo della sicurezza passiva all’interno dell’abitacolo, così come dei sistemi di assistenza Post-Safe, è invece quello di ridurre al minimo i danni durante e dopo un eventuale incidente.

 

Ovviamente molte tecnologie di sicurezza di Mercedes-Benz che, a suo tempo, risultarono assolutamente innovative sono oggi largamente diffuse all’interno del settore e da anni contribuiscono a ridurre il numero degli incidenti mortali. Dei famosi esempi in tal senso sono il sistema antibloccaggio (ABS), introdotto nella Classe S nel 1978, l’airbag presentato nella Classe S nel 1981 o l’Electronic Stability Program ESP®, presentato in una Classe S Coupé nel 1995. Al giorno d’oggi l’ABS e il PSPC rappresentano standard fondamentali per l’immatricolazione di qualsiasi autovettura in Europa.

Test ABS

Test di frenata con e senza ABS.

Ricerca condotta in ambito infortunistico

Da oltre 50 anni Mercedes-Benz porta avanti la propria ricerca condotta in ambito infortunistico.

Un assetto dalle prestazioni eccellenti.

Nel periodo a cavallo tra i due millenni vetture sperimentali rivoluzionarie come la F 300 Life Jet o la F 400 Carving offrirono una sensazione di guida completamente nuova. Proprio come avviene su una motocicletta o sugli sci, in virtù dell’inclinazione le ruote sono infatti in grado di compensare la trazione. Sempre allo stesso periodo risale la prima vettura di serie al mondo dotata di assetto «Active Body Control» e di tempomat con regolazione della distanza «Distronic», ovvero la CL Coupé. Innovazioni come la sospensione a ruote indipendenti risalgono addirittura agli anni ʽ30.

 

Una luce orientata.

Che si viaggi di giorno o di notte, i fari intelligenti e la disposizione dei finestrini offrono al conducente un campo visivo assolutamente ottimale. Ed è dal 2006 che la modalità di gestione dei fari «DIGITAL LIGHT» offre abbaglianti che, tuttavia, non abbagliano affatto gli altri utenti della strada e, inoltre, sono in grado di adattarsi alle condizioni di guida e meteorologiche nell’ambito di cinque condizioni luminose: la luce per le manovre di svolta, quella per le strade extraurbane, la luce in autostrada, quella in curva e, infine, la luce fendinebbia estesa. Attualmente tutti i modelli di Mercedes-Benz risplendono grazie alle luci di stop pulsanti in caso di frenata d’emergenza così come in presenza di un sistema di visione notturna. Durante le ore di buio i fari a infrarossi consentono inoltre di illuminare una porzione della carreggiata nettamente maggiore, mentre il display della strumentazione rimanda in modo chiaro l’immagine della visione notturna ampliata. E anche i vetri sembrano quasi prendere vita, con i display head-up sul parabrezza in grado di offrire al conducente la tecnologia Augmented Reality.

F 400 Carving

F 400 Carving Mercedes-Benz, la vettura sperimentale.

DIGITAL LIGHT

DIGITAL LIGHT della Classe S proietta indicazioni sulla carreggiata.

Blind Spot Assist

Spia luminosa nello specchietto retrovisore e sulla portiera.

Tipi di propulsione.

Dai tempi della prima Benz Patent Motorwagen del 1886, dotata di un cavallo di potenza scarso, fino ad arrivare all’AMG GT 63S E Performance ibrida da 840 CV, Mercedes-Benz non ha solo incrementato la potenza dei veicoli: fin dallo sviluppo della prima vettura, il marchio con la stella continua infatti a rivoluzionare l’industria dei motori. Sono i momenti davvero «stellari» come il primo motore a cilindri contrapposti del 1897, il primo quattro cilindri nella Daimler «Phönix» Phaeton oppure l’iconico radiatore a celle d’api di Wilhelm Maybach a contribuire alla nascita della leggenda. Attualmente Mercedes-Benz offre un’ampia gamma di motori moderni ed efficienti proiettati al futuro, che si tratti di motori a combustione, ibridi, elettrici o ad idrogeno.

 

Valide alternative al carburante.

La ricerca di carburanti sempre più efficienti ha rappresentato un aspetto fondamentale fin dai tempi di Benz & Cie. e della Daimler-Motoren-Gesellschaft. Infatti, già nel 1907 l’Austro-Daimler sviluppò le prime vetture ibride, azionate per metà a benzina e per metà in modalità elettrica. Negli anni ʽ30 la Mercedes-Benz 260 D fu la prima autovettura di serie dotata di motore diesel. E quello dell’iconica 300 SL, dotata di ali di gabbiano, rappresentò nel 1954 il lancio sul mercato della prima auto di serie dotata di iniezione a benzina. Da allora l’efficienza dei motori Mercedes-Benz a carburanti fossili è stata incrementata costantemente e, grazie ai filtri antiparticolati di serie, dal 2005 si è potuto assistere a una riduzione dell’emissione di particelle di fuliggine del 95 %. Oggi l’attenzione è incentrata sulle fonti di energia rinnovabili, sull’elettromobilità e sui nuovi concetti di propulsione come quello delle celle a combustibile.

Mercedes 260 D

Mercedes-Benz 260 D: la prima autovettura di serie dotata di motore diesel.

Mercedes 300 SL

Con la 300 SL, nel 1954 si fa largo per la prima volta l’iniezione a benzina.

AMG GT 63S E Performance

L’AMG GT 63S E Performance: 840 CV con motore a combustione e motore elettrico.

La sostenibilità e gli obiettivi climatici.

Mercedes-Benz si è prefissata un obiettivo ambizioso da raggiungere entro il 2039: rendere a zero emissioni l’intera flotta di nuovi veicoli nonché la relativa produzione. E per realizzare questo progetto è necessaria la travolgente forza innovativa del produttore di lunga tradizione. L’approccio a 360° comprende infatti obiettivi ambiziosi legati a tutti i livelli di creazione di valore nel corso del ciclo di vita del veicolo: dalla catena di fornitura passando per la produzione fino ad arrivare ai modelli di utilizzo e al riciclo. E con la sua attuale gamma di prodotti Mercedes-Benz è decisamente sulla strada giusta. In qualità di pionieri, i collaboratori di Daimler plasmano infatti innovazioni legate alle varie applicazioni, le accompagnano per l’intero percorso fino alla fase di produzione di serie e garantiscono così a Mercedes-Benz di ritagliarsi anche in futuro un ruolo di antesignana all’interno dell’industria automobilistica.