Corrente svizzera: energia pulita per veicoli elettrici

La Svizzera è un Paese ricco di energia. Non esiste altro Paese al mondo in cui con un veicolo completamente elettrico si possa viaggiare in modo più ecologico. Ben due terzi dell’energia elettrica prodotta in Svizzera proviene da fonti rinnovabili.

26. Febbraio 2021

Attualmente, la produzione di un’auto a propulsione elettrica è ancora associata a emissioni di CO2 più elevate rispetto a quelle di un modello comparabile con trazione tradizionale. Ancora più determinante è quindi il tipo di energia che alimenta un’auto elettrica. La soluzione ideale sarebbe che l’energia elettrica utilizzata fosse generata da fonti rinnovabili.

Fortunatamente, l’energia verde non manca in Svizzera, anzi è il tipo di energia più comune. «Ben due terzi del fabbisogno di energia elettrica della Svizzera sono generati da fonti energetiche rinnovabili, in primo luogo sotto forma di energia idroelettrica» afferma Stefan Linder, Head of Innovation & Technology presso l’impresa energetica Alpiq. Un ulteriore terzo della nostra corrente elettrica proviene dall’energia nucleare. La quota di fonti energetiche fossili è invece minima (2,6 %).

 

Il castello d’acqua Svizzera
La fonte di energia utilizzata maggiormente nel Paese è e rimane l’acqua. Ben 1300 centrali idroelettriche piccole e grandi producono una quantità di energia elettrica che copre il 56 % del nostro fabbisogno. In cifre: dei ben 60 terawattora (TWh) di consumo annuale, circa 37 TWh sono prodotti tramite energia idroelettrica. «Tuttavia non è possibile ampliare ulteriormente la capacità delle centrali idroelettriche perché tutti i siti ideali sono già sfruttati» spiega Stefan Linder.

Centrale idroelettrica Ruppoldingen, Photo: Alpiq AG

Centrale idroelettrica Ruppoldingen, Photo: Alpiq AG.

Centrale idroelettrica Ruppoldingen, Photo: Alpiq AG

Centrale idroelettrica Ruppoldingen, Photo: Alpiq AG.

Il 5 % della nostra corrente elettrica proviene dall’energia solare – e la tendenza è in aumento. Ad esempio, nell’estate del 2021 sulla diga di Muttsee nelle Alpi Glaronesi a un’altitudine di oltre 2500 metri sul livello del mare sarà costruito un impianto fotovoltaico di 10 000 metri quadrati con 5000 moduli. Genererà energia elettrica per oltre 700 famiglie.

 

Insieme verso il futuro dell’energia

«Lo svantaggio dell’energia solare nello specifico è tuttavia che è disponibile primariamente in estate, un periodo in cui in Svizzera già oggi produciamo fin troppa corrente elettrica» evidenzia Stefan Linder. Il fatto che con le energie rinnovabili non si possa generare energia in modo più costante è una delle ragioni per cui la Svizzera e l’Europa devono collaborare ancora più strettamente anche in futuro. «Dopotutto, come la mobilità, anche l’energia non si ferma alle frontiere.»

 

I produttori di energia stanno lavorando senza sosta a opzioni a lungo termine. Stefan Linder è convinto: «Dobbiamo pensare e agire in modo paneuropeo. La Svizzera dispone di energia idroelettrica sostenibile impiegabile con grande flessibilità che può contribuire alla sicurezza di approvvigionamento in tutta Europa.» Alpiq sta investendo anche in nuove energie rinnovabili: eolica e solare. Il fattore determinante è l’efficienza di un impianto, indipendentemente che si trovi in Svizzera o in Svezia, aggiunge Stefan Linder.

 

Cosa accadrebbe se...

... improvvisamente molte più persone in Svizzera volessero guidare auto completamente elettriche? Secondo l’istituto di ricerca Empa, tale eventualità non rappresenterebbe un problema in termini di approvvigionamento energetico. Uno studio condotto nel 2018 ha evidenziato che se, per il 20 % dei chilometri percorsi nel traffico stradale, si utilizzasse la mobilità elettrica, la domanda di energia elettrica aumenterebbe di 3,7 TWh all’anno. Questo aumento corrisponderebbe a circa il 6 % dell’attuale fabbisogno annuale di corrente elettrica della Svizzera.

 

Specialisti come Stefan Linder sanno esattamente come si evolverà la domanda di energia nei prossimi anni: «Fino al 2030, la domanda di energia elettrica rimarrà più o meno al livello attuale – anzi, fino al 2025 potrebbe addirittura diminuire leggermente. A partire dal 2030 ci aspettiamo una forte crescita della domanda. Uno dei fattori principali, oltre all’aumento della mobilità elettrica, è il passaggio dagli impianti di riscaldamento a energia fossile alle pompe di calore.»

 

Il problema dello stoccaggio 

«Il problema più grande non è riuscire a produrre sufficiente energia ma averla a disposizione nel momento giusto. Le centrali elettriche di stoccaggio svizzere come quella la Grande Dixence possono immagazzinare complessivamente fino a ca. 9 TWh di energia ma questo non è sufficiente a garantire una fornitura costante e autosufficiente di corrente elettrica» spiega Stefan Linder. Cosa fare quindi? Su tale quesito si stanno arrovellando da decenni le menti più brillanti. «Secondo me, l’idrogeno ricoprerà un ruolo cruciale. Permette l’uso sostenibile del surplus di energia in settori che non possono essere completamente decarbonizzati attraverso l’elettrificazione. Tra questi ci sono l’industria dell’acciaio, dei fertilizzanti e del cemento ma anche il trasporto pesante.» Tuttavia, il problema del deficit di energia elettrica permane – soprattutto in inverno. Secondo Stefan Linder, aggiuntivi trasferimenti stagionali di grandi dimensioni dallʼestate allʼinverno non possono essere gestiti né economicamente né efficientemente attraverso impianti di stoccaggio. «Questo problema sarà oggetto di intensi dibattiti ma lo risolveremo.»

Lago artificiale Grande Dixence, Photo: Alpiq AG

Lago artificiale Grande Dixence, Photo: Alpiq AG.

Green e home charging

Chi utilizza l’energia elettrica per rifornire il proprio veicolo elettrico spesso non sa come questa venga, di fatto, prodotta. Se guidi un modello completamente elettrico della gamma Mercedes-EQ, sei tu a deciderlo. L’app Mercedes me e il tuo sistema di navigazione MBUX ti mostrano ben 175 000 stazioni di ricarica in tutta Europa, dove Mercedes-Benz sostituisce con energia elettrica verde certificata la corrente elettrica che utilizzi per la ricarica.

Video EQC x Sustainability
Video EQC x Sustainability
Guarda di nuovo

Video EQC x Sustainability

Per andare sul sicuro puoi effettuare il rifornimento del tuo modello EQ a casa tua – con corrente elettrica verde certificata dal tuo relativo fornitore. Fai il controllo della wallbox per vedere se un’installazione domestica è un’opzione fattibile a casa tua.